Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Muore un grande regista, resta la sua opera che fotografa il '900 e celebra l’inquietudine, il desiderio di libertà e di dignità degli uomini, travolti dagli sconvolgimenti della Storia.

Ha dialogato con le più importanti intelligenze critiche del suo tempo, primo tra tutti Pasolini. Difficile per me dimenticare la pietà e lo smarrimento dell’ultimo imperatore di fronte alla violenza che subisce l’uomo che lo ha “rieducato” o il legame fraterno di Olmo e Alfredo in Novecento, più forte di ogni differenza sociale e ideologica. Sentiremo la mancanza del suo sguardo sul mondo.