Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Questa mattina abbiamo presentato insieme al Presidente del Consiglio comunale di Brescia Roberto Cammarata un importante e bellissimo progetto che vede coinvolti i nostri due Comuni, insieme alle Associazione dei familiari delle vittime rappresentate da Carlo Arnoldi e Manlio Milani, 50 anni dopo la strage di Piazza Fontana e 45 anni dopo quella di Piazza della Loggia.

Nei prossimi 6 mesi vogliamo "fare memoria" descrivendo e indagando la complessità e l'unicità di quella stagione di terrorismo e al tempo stesso la risposta democratica che ha permesso di sconfiggere quel progetto eversivo. Lo vogliamo fare coinvolgendo tutta la città: scuole, artisti, storici, sindacati, associazioni e tutte le istituzioni.

"La stagione inquieta della Repubblica, la risposta democratica alle stragi" è il titolo del progetto di memoria sul quinquennio 1969-1974 pensato dalle amministrazioni comunali di Milano e Brescia in ricordo delle stragi di Piazza Fontana e Piazza della Loggia.
L'iniziativa, presentata questa mattina a Palazzo Marino, si propone di costruire da maggio a dicembre 2019 un palinsesto di eventi aperto alle due città, a 50 anni dall'attentato terroristico nella sede della Banca Nazionale dell'Agricoltura di Milano e a 45 anni da quello avvenuto nella centrale piazza di Brescia.
Incontri di analisi storica, presentazioni di libri, spettacoli teatrali e iniziative nelle scuole, verranno organizzati e proposti nelle due città con l'obiettivo di descrivere ed indagare la complessità e l’unicità della Stagione inquieta della Repubblica e di riportare alla memoria viva del presente la reazione spontanea e popolare dei cittadini, che ha reso possibile fermare quella stagione di terrorismo e turbolenza politica attraverso la forza delle regole democratiche ed una massiccia, tenace risposta democratica, capace di identificarsi nelle istituzioni e di difendere e promuovere i valori della Costituzione.
La costruzione del programma vede la collaborazione delle associazioni impegnate per la memoria, del mondo del teatro, di quello accademico e scolastico, dei sindacati e delle associazioni dei familiari delle vittime.
In particolare, sono coinvolte la Casa della Memoria di Milano e la Casa della Memoria di Brescia, l'Associazione Piazza Fontana, le associazioni dei familiari delle vittime, l'Università degli Studi di Milano, l'Università degli studi di Brescia, l'Università Cattolica e l'Università degli studi di Macerata, l'Ufficio scolastico per la Lombardia, Cgil, Cisl e Uil, il Teatro Centrale Bresciano, il Teatro della Cooperativa e il Piccolo teatro di Milano - Teatro d'Europa.
A coordinare il progetto, per il Comune di Milano, sarà la piattaforma Milano è Memoria.


Associazione Piazza Fontana 12 dicembre 69
Casa della Memoria Milano