Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Una giornata intensa e molto sentita a Brescia, per fare memoria, chiedere giustizia per tutte le stragi e le vittime della violenza politica e per stare accanto ai familiari delle vittime.

Festival dello sviluppo sostenibile. Una bellissima mattina, ieri, al Teatro Strehler con quasi 500 studenti, per confrontarci su cambiamento climatico, scelte da fare, impronta ambientale di ciascuno di noi e "equilibrio" socio-ambientale.

Ieri il ricordo della strage di Capaci, dopo l'incontro di fronte ai giardini Falcone Borsellino, è stato giustamente dedicato al ricordo di Francesca Morvillo in un intenso momento alla Casa della Memoria Milano.

Il Premio Nobel per la pace 2018 Denis Mukwege, oggi a Milano, con grandissima forza ha chiesto a tutti noi di pretendere giustizia per i sei milioni di morti in Congo e per le decine di migliaia di donne e bambine e bambini vittime di stupri di guerra.

Questa mattina abbiamo presentato insieme al Presidente del Consiglio comunale di Brescia Roberto Cammarata un importante e bellissimo progetto che vede coinvolti i nostri due Comuni, insieme alle Associazione dei familiari delle vittime rappresentate da Carlo Arnoldi e Manlio Milani, 50 anni dopo la strage di Piazza Fontana e 45 anni dopo quella di Piazza della Loggia.

Questa mattina in aula consiliare abbiamo ospitato il momento di chiusura di un bellissimo progetto: Mediterraneo. Lo specchio dell'Altro.

Anche oggi protagonisti sono stati i ragazzi e le ragazze provenienti da tutta Italia: oltre 300 scuole coinvolte, 1000 elaborati, percorsi di studio e memoria per promuovere responsabilità e contrastare l'indifferenza.

Questa mattina in Sala Alessi i protagonisti sono stati le ragazze e i ragazzi delle scuole che hanno realizzato otto video in ricordo di alcune delle vittime. 

Il video dell'incontro su Memoria e Futuro alla Biblioteca Sociale  Spiazza di Figino.

L'incontro con Vandana Shiva di ieri sera alla Fabbrica del Vapore, davvero partecipatissimo, mi ha colpito in particolare per la semplicità e la profondità delle sue argomentazioni.

Mi chiedo quale sia la radice della confusione politica e degli episodi di aggressività neofascista di questi giorni, che potremmo definire semplicemente grotteschi se non offendessero la memoria di chi ha dato la vita per la nostra libertà.

Sono giorni ricchi di iniziative per fare memoria e riaffermare i valori antifascisti alla base della nostra Costituzione e della Repubblica.
Abbiamo ricordato i cento anni dal primo assalto squadrista alla sede dell'Avanti, scoprendo un totem in via San Damiano e poi con un convegno presso l'Archivio di Stato.

Buon "Festival dei Beni confiscati alle mafie" a tutti e a tutte!
Una bella occasione per conoscere meglio e più a fondo cosa è la mafia oggi e anche tante storie ed esperienze di riscatto e rigenerazione.

Oggi in piazza San Sepolcro, luogo della prima adunata dei fasci di combattimento, cento anni dopo, ci siamo confrontati sulla nascita del Fascismo. 

Cultura e turismo sono parole unite da un legame antico e profondo. Oggi decliniamo il turismo in vari modi: turismo di piacere e svago, di affari, religioso o sanitario.